Mese: Marzo 2015

Un economia più umana

 

Il saggio rappresenta un piccolo breviario che può essere davvero utile in una crisi economica infinita come quella attuale, crisi che in realtà è anche psicologica, etica, morale e, perché no, umana. Si perché la crisi che viviamo – insieme a tutte quelle che l’hanno preceduta – è frutto della gestione privata e sconsiderata del denaro, dei trucchi della finanza, insomma dell’avidità di pochi che si istituzionalizza e divora le vite di molti, troppi oggi. (altro…)

Biografia

Gabriele Sannino è uno scrittore e un giornalista.

Collabora con diversi magazine e blog come Nexus Italia, Puntozero e Pensiero Libero, e conduce un programma radiofonico su Radio Gamma Cinque titolato “Il coraggio delle idee”.

Nel 2008 ha pubblicato, con notevole successo, il suo primo romanzo, “Non sono un alieno”. Il 2009, invece, è stato l’anno del racconto intimista “Viaggio verso me”, seguito dal fantasy “L’amico extraterrestre” storia, di un’amicizia tra un bimbo terrestre e un alieno.

Nel 2012 è uscito il suo primo saggio intitolato “I segreti del debito pubblico” (Fuoco Edizioni): una cruda ma sincera lettura dell’attuale situazione economica e dei suoi aspetti meno noti.

Nel 2013, sempre per la stessa casa editrice, è uscito il libro “Il lato oscuro dell’America”, una vera e propria contro-storia economica, politica e culturale degli Stati Uniti, il paese che più ha influenzato la nostra cultura e vivere attuale, seguito dal libro “Un’economia più umana”, un testo che guarda a come sarà l’economia nel futuro, vale a dire molto diversa da quella attuale.

Nel 2014 è uscito invece il libro “Fuga dall’Euro” (Fuoco Edizioni) il cui obiettivo è spiegare in modo chiaro e alla portata di tutti come e perché sia meglio uscire dalla moneta unica europea, mentre nel 2016 è stata la volta del libro “Politica Italiana nel Nuovo Ordine Mondiale” e del primo libro di spiritualità “Lettere a un’anima appena sbocciata”, sette lettere dedicate idealmente a un bambino sui temi più caldi per l’umanità.

 

Maurice Allais, l’economista dimenticato

Maurice Allais (1911-2010) e’ stato un fisico ed economista francese, e ha vinto il Premio Nobel per l’economia nel 1988 per il contributo “alle teorie dei mercati e all’uso efficiente delle risorse”, proprio come suggerisce l’enciclopedia virtuale di wikipedia.
Ma Maurice Allais e’ molto piu’ di questo: anche se wikipedia lo dimentica, infatti, egli e’ stato un’economista molto “scomodo” al sistema, e questo perche’ ha avuto il coraggio di dire come stavano le cose fino in fondo, denunciando sia il Signoraggio bancario che la riserva frazionaria, e imputando a queste cause finanziarie non solo l’origine di questa crisi, ma di tutte le crisi precedenti della storia economica degli ultimi – almeno – due secoli.

(altro…)