il significato esoterico della guerra tra Israele e Palestina

Potete crederci o meno (non è che mi interessi più di tanto, visti i tempi ormai… maturi) ma la guerra tra Israele e la Palestina è una guerra METAFISICA, alias la traduzione MILITARE del conflitto tra le forze “cristiche” e “anti-cristiche”. Insomma, è il SIMBOLO di questa guerra per eccellenza. Si dirà (la solita tiritera del politically correct) ma allora sei antisemita? NO, gli ebrei sono vittime anch’essi – e da sempre aggiungerei! – del sionismo rothschildiano collegato esotericamente a forze “anti-cristiche”. Non è un caso che il mondo sia dalla parte di Israele (dei sionisti, in realtà), così come non è un caso che la Palestina non sia riconosciuta come Stato e non abbia una capitale. Naturalmente, il pretesto per la guerra è l’uso di GUERRIGLIE PILOTATE, che servono da sempre per giustificare gli attacchi.Questi due territori, si sa, sono fortemente collegati a tutte le principali religioni del mondo, ed è qui che certe forze desiderano mettere il loro TRONO.Per chi conosce un po’ il lato esoterico delle cose, infatti, è chiaro che le religioni nascano tutte con pretesti “cristici” ma che vengano infiltrate da forze “anti-cristiche”, ciò per puntare sulla PAURA anziché l’AMORE, abbassando le vibrazioni delle masse.Tutto è stato concepito da certe forze per abbassare le vibrazioni…In passato, molti tra intellettuali, politici, artisti e via dicendo hanno dichiarato che, risolvendo questo conflitto atavico, avremmo avuto la “pace in terra”. Perchè lo hanno detto? Semplice, per questo motivo inconfessabile, al di là della fazione per la quale parteggiavano.Stiamo vivendo un periodo per certi versi avvilente ma anche AVVINCENTE della storia dell’umanità.Un tempo di SEPARAZIONE dove tutto, però, sta venendo straordinariamente a galla, soprattutto… è straordinariamente CHIARO.

INDIA: COME, ANCORA UNA VOLTA, DISINFORMAZIONE E PAURA PRODUCONO ISTERIA DI MASSA.

I media di REGIME stanno ora sfruttando la carta “India”, approfittando degli usi e dei costumi degli induisti, che non tutti gli occidentali (ovviamente) conoscono.Stanno letteralmente inventando – per esempio – che gli indiani muoiono per strada, quando in realtà moltissimi indiani sono soliti schiacciare pisolini per strada (per loro è normale, ve lo può confermare chiunque sia stato in quel paese!) per non parlare del fatto che lì la gente è talmente povera che, per pochi dollari, può inscenare qualsiasi cosa…Premesso questo, le immagini che vedete delle pire infuocate dei cadaveri sono, semplicemente, le cerimonie funebri degli induisti (dette Antyeshti, che significa “ultimo sacrificio”) dove il corpo viene bruciato – dopo vari trattamenti – al fine di liberare l’anima da qualsiasi desiderio terreno, con la speranza di far uscire la stessa dal ciclo del samsara, vale a dire il ciclo di nascita e morte (reincarnazione).Il rito funebre induista è, insieme alla nascita e al matrimonio, uno dei più festeggiati.Come al solito, si approfitta dell’ignoranza per scatenare paura e quindi controllo.Il governo indiano – è questo il vero problema – essendo sotto ricatto della finanza internazionale come tutte le altre nazioni, sta applicando lockdown durissimi per distruggere l’economia del paese, dunque serve questo tipo di propaganda sia in casa (per chi ci crede) sia all’estero.Stiamo vivendo uno dei più grandi inganni della storia, e’ questa la verità, e purtroppo molti, non confrontando le informazioni, ci stanno cascando mani e piedi…

L’abbraccio e il suo significato

L’abbraccio è da sempre un gesto rivoluzionario. Specie in un momento come questo. Quando due persone si abbracciano anche per dieci secondi, magari chiudendo gli occhi – escludendo, quindi, quei finti abbracci che ci sono da tempo – si stabilisce un contatto tra le due anime, cosa che riduce al lumicino l’ansia, le paure, la conflittualità e la distanza tra quelle due persone. L’abbraccio aiuta anche ad avere un contatto più animico col prossimo in realtà, dato che permette di “sentire gli altri”, a prescindere se poi li abbracceremo o meno.L’abbraccio VERO – ripeto, non finto! – è TERAPEUTICO da diversi punti di vista: si scambiano le energie per esempio, e ci si ricarica di nuova energia positiva, visto che questo gesto (estremamente potente) converte e/o attenua istantaneamente anche le negatività più radicate.Anche l’umore migliora immediatamente, e il sistema immunitario ne giova tanto, con tutti gli annessi e connessi.Una società più SANA di MENTE e di CUORE, dunque, anziché isolarsi e vivere nella conflittualità perenne con tutti e – in primis – con se stessi, cercherebbe e offrirebbe abbracci per tutte queste importantissime ragioni.Come sempre, per ogni cosa nella vita, c’è da scegliere tra due cose: AMORE e PAURA, i veri e unici opposti.Da questa scelta dipende – anzi dipenderà – la qualità di tutta la nostra vita. Da ogni punto di vista.