Tag: Europa

Migranti: cerchiamo di fare chiarezza

I mass media amano creare fumo intorno ai problemi, siano essi di natura politica, economica o sociale.
Lo fanno esclusivamente per non far capire al popolo le vere questioni, dato che, in caso contrario, la gente non si dividerebbe piu’ sui dettagli e comincerebbe a fare le giuste domande.
La questione “migranti” non fa eccezione, visto che per capire come si mette in scena uno spettacolo devi interagire sic et simpliciter con chi lavora dietro le quinte.

(altro…)

L’Europa ormai è finita

L’Unione Europea – parliamoci chiaramente – e’ un’organizzazione sovranazionale completamente a-democratica, sia politicamente che economicamente.
Dal punto di vista politico, abbiamo una Commissione che ha iniziativa legislativa e non e’ votata dai cittadini, dato che i commissari sono designati dai Governi che li scelgono in base a compromessi e inciuci vari.

(altro…)

Cosa penso sulla questione clandestinità

Lo abbiamo capito tutti: chi viene in Italia su questi barconi di fortuna, rischiando tutto ma proprio tutto, e’ perche’ non ha niente, davvero niente da perdere.
E’ per questo che intere famiglie pagano migliaia di euro pur di fare la “traversata” che portera’ loro le opportunita’ che hanno sempre sognato?
Il primo enigma qui e’ il seguente: siamo sicuri che paghino davvero loro? Con quei soldi – parliamo piu’ di mille euro a testa – potrebbero vivere anni e anni in modo agiato nei loro paesi!

(altro…)

La follia del patto di stabilità e crescita

In tempi cosi’ bui per l’Europa mediterranea – ma non solo – il cosiddetto Patto di “Stabilita’ e crescita” si conferma uno strumento di morte dell’economia reale, proprio come molti altri meccanismi europei di rientro dai “debiti” presenti e addirittura futuri.
Il Patto di “Stabilita’ e Crescita” – tanto per essere precisi – fu stipulato nel ’97 a seguito del Trattato di Maastricht, al fine di confermarne i cosiddetti parametri economici, ovvero deficit pubblico non superiore al 3% del PIL e debito pubblico al di sotto del 60% sempre del PIL.

(altro…)