Tag: multinazionali

Le quattro cause di tutte le malattie

Le persone si ammalano per due ragioni: o prendono qualcosa come un virus o un batterio, oppure sviluppano una malattia e/o un disturbo.
Perche’ – ci si chiede – quando c’ e’ un virus o un batterio in circolo alcune persone lo prendono e altre no? Cio’ capita sia nelle banali influenze che nelle malattie piu’ gravi.
L’organismo, in certi casi, riesce a difendersi molto bene, mentre in altri soccombe e si fa subito contagiare.

(altro…)

La cura Di Bella ha sempre funzionato

Il Professor Luigi Di Bella, per chi ancora non lo sapesse, e’ stato un medico tanto amato e apprezzato dai suoi pazienti e studenti – era anche un professore universitario – quanto osteggiato e dileggiato dai mass media tradizionali, che lo hanno trattato – fino alla sua morte, aggiungerei – al pari di un cialtrone, un millantatore nonche’ un vero e proprio impostore visti i suoi metodi di cura “alternativi” per la cura delle neoplasie.
Lo scopo della cura del Professore e’ e resta quello di superare l’attuale tossicita’ e limitata efficacia delle terapie radiologiche, valorizzando diverse molecole biologiche sottovalutate tuttora dalle cure tradizionali, foriere – quest’ultime – di immensi finanziamenti e intorno alle quali gravita un gigantesco giro d’affari soprattutto per le multinazionali farmaceutiche.

(altro…)

La clinica delle cavie umane

Siamo ad Arzo, un paesino dalle mille anime a dieci minuti dal confine italiano, nel Canton Ticino: qui tutti conoscono la cosiddetta “clinica delle cavie umane;” sull’insegna c’e’ scritto esattamente “Cross Research Clinical Unit”; questa clinica, negli ultimi anni, e’ molto frequentata anzi e’ letteralmente battuta dagli abitanti del nostro stivale.
Il perche’ di tutta questa crescente frequentazione – che avviene principalmente per passaparola – e’ presto detto: fare un prelievo ogni cinque minuti, tenere un ago in un braccio per ore e ore per poi prendere alla fine una misteriosa pillola, fa fruttare per due notti a tutti i degenti la bella cifra di 600 euro.

(altro…)