Nasciamo in un mondo dalle convenzioni limitanti e stringenti, una realtà dove, a volte, la stupidità delle tradizioni e dei conformismi ci modella senza che possiamo fare nulla, vista la nostra poca consapevolezza sia nell’infanzia sia nell’adolescenza.

Se siamo fortunati, da adulti facciamo un po’ di lavoro su noi stessi e ci liberiamo di alcuni schemi e idee preconcette, anche se certi programmi – per la maggioranza – rimangono validi per tutta la vita. 

I nostri genitori sono e restano i nostri primi esempi: essendo tutt’altro che perfetti (sono esseri umani come noi immersi nel nostro stesso sistema) ereditiamo da loro comportamenti e modi di pensare, anche quando non lo ammettiamo, fin quando iniziamo a ribellarci e a fare baldoria, diventando però, in mancanza di un lavoro interiore, loro replicanti a nostra insaputa.  (altro…)